Archivi categoria: dessert

La panna cotta..semplice e veloce.

PANNA COTTA

Ricetta per un dolce veloce da preparare e di sicuro gradimento. Ho preparato questi mini bicchierini di panna cotta per una grgigliata di  famiglia fatta ieri (eravamo in tanti….) e sopra l’ho guarnita con un topping al cioccolato. Si prepara in poco tempo, dovete però avere l’accortezza di lasciarla in frigorifero per almeno 3/4 ore per farla rapprendere. Le dosi sono per 4 porzioni abbondanti.

250 ml di latte intero

250 ml di panna fresca

70 gr di zucchero

1/2 stecca di vaniglia

2 fogli di colla di pesce.

In una pentolino unite il latte, la panna e la vaniglia tagliata a metà. Fate scaldare, aggiungete lo zucchero e mescolate per farlo sciogliere bene. Portate leggermente a bollore e spegnete il fuoco. Togliete i semini dalla stecca di vaniglia e fate riposare per un quarto d’ora. Nel frattempo mettete a bagno i fogli di colla di pesce in acqua fredda, per farli ammollare. Quando il composto di panna e latte sarà tiepido, strizzate i fogli di gelatina e aggiungeteli mescolando per farli sciogliere per bene. Versate il tutto nei vostri stampini e riponete in frigorifero per 3/4 ore.

Fede

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in dessert, dolci, fatto in casa, vegetariano

Un classico: il gelato fiordilatte e cioccolato.

gelato fiordilatte cioccolato

In questo perido sono un pò latitante dal blog, presa da altri mille pensieri e impegni sono un pò lontana dalla cucina 😉 Però voglio postare questa ricetta che ho sperimentato proprio ieri, un fresco gelato fatto in casa, ottimo e con pochi ingredienti. Ho fatto i due gusti classici,  fiordilatte e cioccolato. La ricetta del fiordilatte è collaudata da tempo, quella per il cioccolato invece è stato un esperimento ma essendomi affidata ad una ricetta di Guido Martinetti non ho avuto alcun dubbio sul risultato finale…. Io ho la gelatiera, che sicuramente aiuta molto nella buona riucita di un gelato morbido e cremoso.

FIORDILATTE:

250 ml di latte fresco

250 ml di panna fresca

120 gr di zucchero

1 bustina di zucchero vanigliato

Fate scaldare il latte con i due tipi di zucchero (se non avete lo zucchero vanigliato potete aggiungere un pizzico di vanillina), mescolate per farli sciogliere bene, spegnete e lasciate raffreddare. Aggiugnete poi la panna fresca, mettete il composto nella gelatiera per 20/5 minuti.

CIOCCOLATO:

320 gr di latte fresco

20 gr di panna fresca

70 gr di cacao amaro

90 gr di zucchero

Fate scaldare il latte, aggiungete lo zucchero e il cacao e fateli sciogliere bene. Una volta ben freddo, aggiungete poi la panna e versate nella gelatiera per 25/30 minuti.

Sono veramente due ricette molto semplici, ma che di questi tempi si gustano volentieri. E il gelato al cioccolato, senza uova, è senz’altro più digeribile e leggero.

Fede

Lascia un commento

Archiviato in dessert, dolci, fatto in casa, gelati, vegetariano

Dolci light ma con gusto: crema di yogurt e ricotta.

Ieri ho preparato questo dolce, contenuto nelle calorie ma dal sapore molto gradevole e gratificante. Un piccolo peccato di gola senze eccedere troppo! Da preparare è veramente veloce, meglio farlo la sera prima per il giorno dopo, così avrà tempo di rapprendersi in frigorifero. Io ho decorato la crema con delle pesche e un cucchiaino di granella di mandorle, volendo potete aggiungere delle scaglie di cioccolato, amaretti sbriciolati, granella di nocciole, cannella, ecc ecc… La dose è per due persone:

100 gr di yogurt (io ho usato il Bianco Fiordilatte della Mila, potete usarlo anche alla vaniglia)

150 gr di ricotta

70 gr di zucchero a velo

1 pesca matura

granella di mandorle

Unite yogurt e ricotta e mescolateli per bene fino ad ottenere una crema, aggiungete lo zucchero e amalgamate. Versate il composto nelle coppette monoporzione e mettete in frigorifero a riposare per qualche ora. Tagliate la pesca a dadini, conditela con un chucchiaio di zucchero e lasciatela riposare per una mezz’ora. Togliete le coppette di crema dal frigorifero, aggiungete i dadini di pesca e un cucchiaino di granella di nocciola.

La prossima volta voglio provare questa ricetta utilizzando lo yogurt greco, molto più denso rispetto allo yogurt tradizionale, per ottenere una crema più “solida”.

Fede

Lascia un commento

Archiviato in cibi naturali, dessert, dolci, fatto in casa, light, vegetariano

Dolce per la domenica: pancakes con fragole e crema diplomatica.

pancakes fragole crema diplomatica

Dolce dal titolo lungo, ma dalla preparazione piuttosto semplice. Prendetevi un pò di tempo, ci sono un pò di passaggi, ma vedrete che ne varrà la pena. Vi riporto la ricetta pari pari a quella che ho usato io e che ho trovato sul sito de “il cucchiaio d’argento”. L’unica differenza è che ho aggiungto un pò più di zucchero nella crema e nella preparazione finale non ho fatto il dolce a strati, come suggerisce la ricetta, ma ho farcito i singoli pancakes….a voi la scelta! Le foto sono dei miei dolci, noterete infatti che la composizione artisica non è un granchè, ma vi assicuro che erano buoni!

PER I PANCAKES

  • 150 gr farina 00
  • 150 cl acqua
  • 100 cl latte
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaino di lievito vanigliato
  • un pizzico di sale
  • un pezzetto di burro

PER LA CREMA DIPLOMATICA

  • 400 cl latte
  • 50 gr farina 00
  • 80 gr zucchero
  • 2 uova
  • una bacca di vaniglia
  • 125 gr panna montata

PER LA DECORAZIONE:

  • 300 gr di fragole lavate e tagliate a tocchetti
  • Zucchero a velo q.b

Per i pancakes: in una ciotola dai bordi alti verserete farina, lievito, sale e zucchero, mescolerete e metterete da parte. In un’altra ciotola monterete l’albume a neve. In una terza, sempre usando il medesimo sbattitore, sbatterete il tuorlo. Quindi mescolerete gli ingredienti liquidi ai solidi finchè il composto non sarà omogeneo e, infine, aggiungerete l’albume montato. Ungerete e scalderete una padella di diametro medio a fuoco moderato. Usando un piccolo mestolo, verserete il composto nella padella, distribuendolo fino ad ottenere un cerchio di circa 10 cm. di diametro che cuocerete finchè non vedrete apparire delle bolle sulla parte superiore, asciutta.  Quindi girerete il pancake e lo cuocerete dall’altra parte finchè non si scurirà.  Infine, dovreste aver ottenuto circa 16 pancake, che metterete da parte.

Per la crema diplomatica: In un pentolino medio verserete il latte, lasciandone da parte mezzo bicchiere. Quindi estrarrete i semini interni della bacca di vaniglia e li aggiungerete al latte. Farete scaldare a fiamma media e, non appena comincia a bollire, spegnerete. In una ciotola dai bordi alti sbatterete i tuorli con lo zucchero fino a quando non avrete ottenuto un composto soffice e spumoso. Quindi verserete molto lentamente un terzo del latte nel composto di uova e zucchero, continuando a mescolare con lo sbattitore. Dunque unirete poco alla volta la farina setacciata alla crema, mescolando ancora. Verserete la crema ottenuta nella pentola con il latte, riaccenderete il fuoco e porterete ad ebollizione, continuando a mescolare con una frusta. Non appena inizierà l’ebollizione, abbasserete la fiamma e continuerete a mescolare altri per 2-3 minuti. Prenderete quindi il mezzo bicchiere di latte messo da parte e lo aggiungerete a filo continuando a mescolare per bene per evitare di formare grumi. Una volta versato tutto il latte, spegnete il fuoco.  In una ciotola dai bordi alti verserete la panna, la monterete con lo sbattitore e, infine, la aggiungerete mescolandola alla crema pasticcera nel frattempo intiepidita.

Procedete dunque all’assemblaggio mettendo sul fondo di un piatto da dessert il primo pancake che spalmerete con un generoso strato di crema diplomatica e coprirete con uno strato di fragole a fette. Quindi continuerete ad alternare i diversi strati – pancake/crema/fragole – fino a quando non avrete utilizzato il quarto ed ultimo pancake che decorerete, più semplicemente, spolverizzando con zucchero a velo e una fragola 

pancakes fragole

Lascia un commento

Archiviato in dessert, dolci, fatto in casa, vegetariano

La torta zebrata da una ricetta di Benedetta Parodi

torta zebrata

Oggi un dolce: la torta zebrata da una ricetta di Benedetta Parodi. Molto semplice da fare, è una torta adatta per la colazione e la merenda, soffice e leggera. Si chiama “zebrata” perchè viene fatta con due impasti, uno “bianco” e uno “nero” con l’aggiunta di cacao che, mischiati a regola d’arte, daranno un effetto zebrato alle fette! io l’ho fatta in uno stampo piccolo a forma di cuore e ho dimezzato le dosi che vi riporto qui sotto, che sono invece per uno stampo da 24/26 cm.

4 uova

250 gr di zucchero

200 gr di olio di semi/riso/oliva

250 gr di latte

250 gr di farina 00

50 gr di fecola di patate

1 bustina di lievito

1 bustina vanillina

2 cucchiai di cacao amaro in polvere

Rompete le uova in una terrina , aggiungete lo zucchero e, aiutandovi  con una frusta elettrica, lavorateli bene fino ad ottenere un composto spumoso. Sempre mescolando aggiungete l’olio (potete usare a piacere olio di semi di buon qualità, olio di riso oppure olio di oliva, purché non abbia un sapore troppo deciso), il latte e la farina setacciata con la fecola, il lievito e la vanillina. Otterrete un composto piuttosto liquido: non aggiungete farina perché è proprio questo il “segreto” per la riuscita di una torta soffice. Dividete l’impasto ottenuto in due parti, e in una aggiungete i due cucchiai di cacao amaro . Imburrate e infarinate una teglia di 24/26 cm di diametro e cominciate a distribuire i due impasti : per ottenere l’effetto zebrato dovrete  versare al centro della teglia  3 cucchiai di impasto bianco, poi dentro 3 cucchiai di impasto nero e così via (io non l’ho fatto e una volta tagliata la torta l’effetto non era proprio zebrato perché l’impasto al cacao era andato tutto sul fondo ….) . Infornate a 180°C  per circa 30 minuti. E’ ottima per la colazione!

Fede

 torta zebrata2

Lascia un commento

Archiviato in colazioni, dessert, dolci, fatto in casa, vegetariano

….arriva Pasqua: la colomba fatta in casa!

colomb11

Pasqua si avvicina a grandi passi e, tra le tante ricette che girano sul blog, ho trovato questa molto interessante per fare la colomba in casa. Il procedimento vero e giusto per questo dolce tipicamente pasquale è in verità molto più lungo e complicato, richiede un paio di lievitazioni e molta pazienza. Questa versione che vi propongo (trovata sul sito ricettecooking.com) , e che voglio provare nei prossimi giorni, è molto più rapida e semplice…..vi saprò dire se il risultato finale è ugualmente soddisfacente! Le dosi sono per uno stampo da 750 gr.

350 g. di farina

3 uova

200 gr  di zucchero a velo

100 gr di burro

200 ml di latte

1 arancio e 1 limone

100 gr di arancia candita

50 gr di mandorle amare

1 bicchierino di liquore tipo “Amaretto”

1 bustina di lievito istantaneo per torte salate

Per la glassa:

100 gr di mandorle pelate dolci

100 gr di zucchero semolato

1 albume

Per la decorazione:

100 g. di granella di zucchero

Qualche mandorla dolce pelata

Tritare finemente nel mixer le mandorle amare insieme ad un cucchiaio di zucchero e tagliare a cubetti l’arancia candita.

Versare in una ciotola i tuorli d’uovo e montarli con una frusta insieme al burro precedentemente ammorbidito a temperatura ambiente.

Unirvi poi lo zucchero rimasto, le mandorle tritate, l’arancia candita, la scorza grattugiata dell’arancio e del limone, il liquore e amalgamare bene tutti gli ingredienti.

Aggiungere quindi all’impasto la farina, il latte, il lievito, gli albumi precedentemente montati a neve ferma e versare il composto in uno stampo in carta per colomba pasquale da 750 g.

Preparare la glassa, macinando finemente nel mixer le mandorle insieme allo zucchero; travasare il tutto in una terrina ed aggiungervi quindi dell’albume d’uovo fino ad ottenere una pasta spalmabile non troppo fluida (altrimenti colerebbe ai lati del dolce).

Ricoprire tutta la superficie della colomba prima con la glassa preparata e poi con la granella di zucchero e qualche mandorla pelata, ed infornare a 160° per circa un’ora, avendo cura di controllarne la cottura con uno stecchino (che dovra’ risultare completamente asciutto) non prima che sia trascorsa mezz’ora. Se dovesse colorarsi troppo la superficie, proteggerla con un foglio di carta da forno.

Fede

Lascia un commento

Archiviato in colazioni, dessert, dolci, fatto in casa, vegetariano

Ancora carnevale: le castagnole!

Altra golosità di questo periodo sono le castagnole, dolcetti (ovviamente fritti…) grandi appunto come delle castgane, semplici da preparare e diffuse praticamente in tutta italia. Con le dosi che vi riporto preparate circa una trentina di castagnole.

 1 bustina di vanillina

1 cucchiaio di liquore all’anice (se vi piace)

200 gr di farina 00

50 gr di zucchero semolato

Scorza grattugiata di ½ limone

2 uova piccole

8 gr di lievito per dolci

1 pizzico di sale

Olio per friggere

Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti e amalgamateli bene, poi trasferiteli su un piano e lavorate l’impasto fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea, morbida ma non troppo… fate riposare qualche minuto, nel frattempo portare l’olio in temperatura per friggere. Prendete dei pezzi di impasto, formate con le mani dei filoncini e poi tagliateli a pezzetti, come per fare gli gnocchi. Passate ogni pezzetto tra le mani per dargli la forma di una pallina, e tuffatela nell’olio  (facendo molta attenzione). Lasciate cuocere fino a che non saranno belle dorate. Scolate su dei fogli di carta assorbente, cospargetele di zucchero a velo e servite subito.

 

Fede

Lascia un commento

Archiviato in dessert, dolci, fatto in casa, vegetariano